Che cos’è il volume diastolico alla fine?

Quando il cuore è al lavoro per aiutare a trasportare il sangue in tutto il corpo, sta facendo una delle due cose: pompare o riposare. Il pompaggio, o contrazione, è l’atto di una forte diminuzione delle dimensioni, che costringe il sangue fuori dal cuore e in circolazione. Il rilassamento, al contrario, si riferisce al tempo dopo la contrazione quando il cuore si rilassa alla sua dimensione iniziale. Il volume telediastolico è la quantità di sangue rimasto nel cuore o nel ventricolo specifico, quando la fase di rilassamento è completata.

Quando i medici prendono la pressione sanguigna di una persona, raccolgono due misurazioni, di solito sotto forma di x / y. Il primo numero, o numeratore, viene definito pressione sistolica, mentre il denominatore si riferisce alla pressione diastolica. La diastole si riferisce al rilassamento del cuore, mentre la sistole è un termine usato per descrivere il cuore contratto. Ci sono differenze di pressione nel sistema cardiovascolare dipendenti da quale fase è attualmente attiva, quindi la disparità nelle misurazioni.

Il volume telediastolico è generalmente un numero più alto del suo partner. Questo può essere compreso logicamente se una persona fotografa il cuore che si contrae e si rilassa. Se un oggetto sta diminuendo di dimensioni, il fluido, in questo caso il sangue, viene espulso o espulso. Ciò è dovuto alla relazione inversa tra pressione e volume, mentre il volume diminuisce durante la contrazione, la pressione aumenta fino a superare l’ambiente esterno, provocando un gradiente di pressione. Questo gradiente di pressione in senso fisico è ciò che causa l’espulsione del sangue.

La diastole, l’opposto della contrazione, può essere compresa in modo simile. Quando le dimensioni delle camere del cuore aumentano, mentre si rilassa, la pressione si sviluppa all’esterno del cuore in relazione alla pressione interna. Ciò consente un aumento graduale del volume telediastolico dovuto a questo gradiente. Una volta che le pressioni si sono equalizzate, il volume diastolico finale è livellato e non cambierà fino al successivo periodo di rilassamento.

Il volume telediastolico è importante fisiologicamente per una serie di motivi. Il cuore non riesce a pompare fuori ciò che non ha, quindi maggiore è il volume diastolico finale, maggiore è il volume di sangue nel cuore. Se qualcuno ha un cuore malfunzionante che non riesce a ottenere un volume diastolico alla fine ragionevolmente alto, il flusso sanguigno e la quantità di nutrienti rilasciati ai tessuti del corpo possono essere compromessi. Fortunatamente, ci sono misure, come un regolare esercizio fisico o, se necessario, anche un intervento chirurgico, che può aiutare a migliorare il volume telediastolico.