Cos’è l’aspirazione ad ago fine?

L’aspirazione dell’ago fine è una procedura clinica eseguita per cercare segni di cancro, infezione e altri tipi di malattia in sospette masse di tessuto corporeo. Un ago lungo e sottile viene inserito in un sospetto tumore e viene estratto un minuscolo campione di fluido e tessuto. L’analisi di laboratorio del tessuto può aiutare i medici a confermare o escludere condizioni mediche diverse. Nella maggior parte dei casi, l’aspirazione con ago sottile può essere eseguita in pochi minuti in una clinica chirurgica ambulatoriale o in un ospedale.

Quando una massa o un nodulo insolito viene scoperto durante un esame fisico o scansioni di diagnostica per immagini, un medico di solito decide di predisporre un’aspirazione con ago sottile. Grumi palpabili nei linfonodi del collo, della testa, della mammella e dell’inguine sono i siti più comuni per i test di aspirazione, ma un medico può decidere di eseguire la procedura su una massa altrove sul corpo se è vicino alla pelle e sospettoso- analizzare, cercare, guardare. Le biopsie con ago sottile sono quasi sempre preferite rispetto a procedure chirurgiche più invasive poiché il rischio di infezione e altre complicazioni è molto più basso.

Prima della procedura, uno specialista sterilizza completamente la pelle sopra la massa e segna un punto di iniezione. Le aspirazioni dell’ago più fini vengono eseguite senza anestesia, ma un medico può decidere di applicare un anestetico locale se la pelle è tenera o se il paziente è nervoso per l’ago. L’ago cavo perfora la pelle e penetra nel centro del grumo. Un piccolo campione di cellule viene aspirato attraverso l’ago in una siringa sterile. Il medico rimuove quindi con cura l’ago, applica una pressione sulla ferita da puntura per controllare eventuali emorragie e fascia la ferita con garza e adesivo.

Il campione raccolto mediante aspirazione con ago sottile viene trasferito su un vetrino da laboratorio sterile in modo che possa essere analizzato al microscopio. Un patologo studia il campione per verificare la presenza di segni di cancro, infiammazione e infezione. Dopo aver confermato una diagnosi, un team di medici può iniziare a considerare diverse opzioni di trattamento.

Oltre ad essere una procedura diagnostica importante, l’aspirazione dell’ago fine può anche essere utile per valutare il successo delle procedure di trattamento. Un medico può eseguire un’aspirazione dopo aver tentato di trattare un tumore con radiazioni e chemioterapia e confrontare il tessuto raccolto con il campione raccolto prima del trattamento. Se il nuovo campione è privo di cancro o mostra segni di cancro in scadenza, il medico può essere sicuro che il trattamento è stato efficace.