Cos’è un osteotomo?

Gli ostetomi sono dispositivi semplici progettati per rendere più facile il taglio o in qualche modo contrassegnare l’osso. Sviluppato durante la prima metà del 19 ° secolo, l’osteotomo veniva spesso utilizzato nelle strutture di assistenza medica e sui fronti di battaglia per trattare i pazienti che richiedevano la rimozione di una porzione di osso per sopravvivere. Mentre lo strumento è usato raramente per questo scopo oggi, una forma del dispositivo è spesso utilizzata nell’odontoiatria contemporanea.

Le origini dell’osteotomo risalgono generalmente al 1830. Sviluppato a Würzburg, in Germania da Bernhard Heine, il primo dispositivo era un semplice strumento portatile che poteva essere utilizzato per eseguire tagli nel cranio con maggiore precisione rispetto ad altri tipi di coltelli e seghe. . Gli accessori furono presto sviluppati che permisero di adattare questo disegno di base per altri usi, come scavare nella struttura ossea di braccia e gambe, rendendo più facile tagliare sezioni di osso che erano state infettate o che erano così gravemente danneggiate che la riparazione era non fattibile.

Per il resto del 19 ° secolo e fino al 20 ° secolo, l’osteotomo ha continuato a essere uno strumento prezioso nelle mani dei medici. L’osteotomo del cutter poteva tagliare l’ulna o la tibia con maggiore facilità rispetto a qualsiasi altro dispositivo, il che significava che il paziente avrebbe trascorso meno tempo sul tavolo della sala operatoria. Gran parte dell’efficienza d’uso aveva a che fare con il fatto che l’osteotomo chirurgico presentava un tagliente in cui entrambi i lati erano smussati. Ciò era particolarmente importante nelle situazioni in cui l’intervento chirurgico si svolgeva senza alcun tipo di agente decalcificante per il paziente, ad eccezione del whisky o di qualche altro tipo di bevanda alcolica.

Nel tempo, una forma dell’osteotomo è stata sviluppata per l’uso in procedure dentali. A causa dell’elevato grado di accuratezza che può essere raggiunto con il dispositivo, i chirurghi orali sono facilmente in grado di modificare la qualità e la quantità di osso attorno agli impianti per garantire una calzata stabile. Il risultato finale sono impianti che sembrano naturali e causeranno al paziente poco o nessun disagio durante il periodo di recupero e oltre.

L’osteotomo dentale ha dimostrato di essere più duraturo rispetto al modello chirurgico. Mentre gli ostetomi per l’uso nell’impianto dentale sono rimasti comuni oggi, strumenti più efficienti hanno sostituito la versione precedente di questo dispositivo di taglio negli anni ’20. Entro la metà del 20 ° secolo, il design originale, insieme ai suoi accessori, era praticamente scomparso dall’uso nella maggior parte dei paesi.