Cos’è la neuropatia autonoma?

La neuropatia autonomica può essere un segno di una serie di disturbi specifici e lesioni del sistema nervoso autonomo (ANS). L’ANS è responsabile di molte azioni involontarie nel corpo, tra cui la regolazione della frequenza cardiaca, la digestione e la respirazione. Quando i nervi in ​​una sezione dell’ANS sono danneggiati, il funzionamento può essere anormale o completamente assente. Di solito i medici possono aiutare i pazienti a gestire le loro condizioni ricercando e trattando la causa sottostante della neuropatia autonomica.

Molte patologie acquisite e genetiche possono contribuire alla neuropatia autonomica. Diabete, infezione da HIV, morbo di Parkinson e abuso di alcool sono le cause primarie di molti problemi neurologici. Diverse malattie autoimmuni, tra cui l’artrite reumatoide e il lupus, possono anche portare a malfunzionamenti ANS. Occasionalmente, un intervento chirurgico mal riuscito o una lesione diretta al collo, alla schiena o all’addome possono schiacciare o tagliare i nervi nell’ANS. I farmaci da prescrizione per l’asma, la sindrome dell’intestino irritabile, il cancro e gli spasmi muscolari possono anche causare danni ai nervi come effetto collaterale negativo.

I sintomi della neuropatia autonomica possono variare notevolmente a seconda del sito e della gravità del danno del nervo. Quando è implicato il tratto gastrointestinale, i problemi possono includere frequenti episodi di diarrea, nausea e incontinenza. La neuropatia autonomica che colpisce il cuore può causare dolore toracico, mancanza di respiro, mal di testa e pressione alta. Quando i nervi sono danneggiati altrove nell’ANS, una persona può soffrire di alterazioni della visione e dell’udito, malfunzionamenti della ghiandola sudoripare, gonfiore alle estremità, disfunzione sessuale o una serie di altri problemi.

Poiché i segni e i sintomi della neuropatia autonomica sono così variabili, i medici generalmente devono eseguire una serie completa di test diagnostici per confermare la condizione. È possibile eseguire esami del sangue e delle urine per verificare il diabete, i disturbi autoimmuni e la possibilità di infezione. Gli studi di diagnostica per immagini, incluse le scansioni di tomografia computerizzata, sono condotti per verificare la presenza di danni fisici all’ANS. Inoltre, un medico può decidere di utilizzare un endoscopio per ispezionare attentamente il tratto gastrointestinale, il cuore oi polmoni.

I disturbi del sistema nervoso, inclusa la neuropatia autonomica, sono notoriamente difficili da gestire. Le misure di trattamento dipendono in gran parte dalla causa sottostante dei sintomi e di solito comportano una combinazione di farmaci da prescrizione e cambiamenti dello stile di vita. Un medico può prescrivere farmaci per migliorare la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca, i problemi digestivi e la disfunzione erettile. Condizioni specifiche come il diabete e le malattie autoimmuni possono anche essere gestite con farmaci giornalieri. I pazienti possono anche essere istruiti a fare cambiamenti dietetici, astenersi dall’alcol o limitare la loro attività fisica.